ALPS MOVE é il festival di danza regionale in Alto Adige. Essendo piattaforma per opere di danza contemporanea e di teatrodanza ALPS MOVE invita danzatori e danzatrici sudtirolesi – rientrando da tutta l’Europa – a proporre le proprie opere. 
 
L’incarico del Festival é infatti il rafforzamento del movimento danza in Alto Adige. Nato come iniziativa della Südtiroler Tanzkooperative, un’associazione di danzatori e danzatrici regionali, si impegna per creare delle vere e proprie possiblità per la presentazione di opere di danza regionali.
 
In più ALPS MOVE vuole instaurare delle relazioni per contribuire ad un vivace scambio culturale utile al movimento danza sudtirolese. Progetti di scambio (con Berlino, Ferrara, Bilbao) e la collaborazione con coreografi internazionali (Rhys Martin, Remo Rostagno) aiutano a instaurare nuovi contatti. 
 
Anche la gioventù vuole e deve esprimersi con la sua danza. Il Festival rinforza il contatto del pubblico giovanile con la danza proponendo degli spettacoli scolastici, ma anche offrendo la possibilità ai giovani di salire sul palco.
 
Noi vogliamo promuovere la danza regionale, movimentarla e costruirla. Non vediamo l’ora di incontravi durante il nostro percorso!

IN COLLABORAZIONE CON

Errante teatrodanza, Merano

idea-tanztheaterperformance, Bolzano

Associazione culturale Muspilli, Merano

Tadanz, Lana

NocheinTango, Lana

Tanzschmiede / Fucinadanza, Merano

CONTATTO

Südtiroler Tanzkooperative im Südtiroler Theaterverband

Vicolo Braunsberg 6

I-39011 Lana (BZ) 

T +39 333 4412933 

info(at)alpsmove.it

PROGRAMMA

Originariamente la danza era un abituale momento di esposizione in strada e nelle piazze. Generalmente si trattava di luoghi che la gente aveva adottato come punti di ritrovo e conversazione. Con questo progetto riportiamo la danza come evento culturale quotidiano al suo posto originario relazionandoci con le strutture architettoniche e le persone. Si lavora sulla base di improvvisazioni strutturate e non. Non ci interessa l'identificabile, ma che il tutto perda i suoi significati, per apparire in un nuovo contesto. Vogliamo creare spazi aperti per la libera esperienza dell'evento danza/spazio.

La Südtiroler Tanzkooperative ha il compito di promuovere la danza in Alto Adige come forma artistica e di contribuire al suo sviluppo. Nel contempo la Cooperativa è alla continua ricerca di un fruttuoso scambio con realtà simili sia in Italia che all’estero. Per la Danza in Strada abbiamo come ospiti danzatori di Bolzano e Milano.

PERFORMANCE IN STRADA

DANZA IN STRADA

SÜDTIROLER TANZKOOPERATIVE E OSPITI (IT)

03.10. 1100

AM GRIES, LANA

06.10. 1100

AM GRIES, LANA

Con Franz Weger, Stefania Bertola, Giulia Manzato, Marek Isleib

ENTRATA LIBERA

Cosa significa invecchiare, crescere, consumarsi? Cos'è il tempo? La vita, così come la danza, insegue al giorno d'oggi un’immagine di eterna giovinezza. Le persone anziane vengono viste come inutili, l’idea della morte viene respinta e la nostra società cerca forzatamente di controllare la vita. Questo progetto esplora il corpo nelle sue trasformazioni. Lavorando con performers tra i 20 e i 60 anni, poniamo al centro della riflessione il tema dell'età. Una ricerca fatta di esperienze e di impressioni che restituisce al funambolismo della vita un pezzo di vitalità.

Coreografa italiana residente in Olanda, Gabriella Maiorino si è diplomata alla School for New Dance Development di Amsterdam nel 2002 e da allora tutte le sue creazioni sono state prodotte e finanziate da istituzioni olandesi. Lavora come coreografa anche in Italia, Francia e Brasile. Ha vinto premi riconosciuti internazionalmente quali la Competizione Satelliti (sosta palmizi – Junge Hunde), DansClick Tour in Olanda e Aerowaves a Londra.

Supported by
TEATRODANZA

ZEITSPRÜNGE

GABRIELLA MAIORINO, IDEA-TANZTHEATERPERFORMANCE, SÜDTIROLER TANZKOOPERATIVE (IT/NL)

09.10. 2000

SALA RAIFFEISEN, LANA

10.10. 2000

SALA RAIFFEISEN, LANA

Altri appuntamenti 14.10. Brunico - 15.10. + 16.10. Bolzano - 13.11. + 14.11. Bilbao (ES)

 

Con Francesco Barba, Julian Burchia, Anastasia Kostner, Iosu Lezameta, Mariatullia Pedrotti, Doris Plankl

Assistente coreografia Francesco Barba

Musica Giovanni Cavalcoli

Costumi Sara Burchia

Direzione di produzione Doris Plankl

 

Produzione IDEA-tanztheaterperformance, Südtiroler Tanzkooperative

 

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- € 
Ridotto: 7,- €
(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

AYJO - OHJE  Il teatro è un luogo dove usualmente avviene uno scambio lineare. Gli attori si rivelano e il pubblico guarda, ascolta. In questo pezzo tutto ciò viene completamente ribaltato. Il pubblico si trova sul palco, gli attori in platea. Le posizioni e i ruoli non sono più così chiari: chi mostra e chi guarda? Si viene così a creare una situazione simile agli specchi veneziani: guardo nello specchio e vedo me stesso, ma so benissimo che chi è dietro lo specchio vede me. E la domanda è: vede esattamente quello che vedo io? 

Laureata presso L'Università delle Arti di Folkwang a Essen (DE), Evelin Stadler ha lavorato diversi anni come danzatrice in numerosi teatri tedeschi, tra l’altro a Essen, Berlino e Münster. Dal 2005 lavora indipendentemente come ballerina e coreografa, portando le sue produzioni in Germania e in Italia. Attualmente vive a Kassel (DE). 

 

DENTRO LE MURA (MURATA) Cosa si trova facendo una sosta in mezzo alla città per ascoltare - o non ascoltare - un bambino che piange? Cosa si vede, si pensa, si sente e si ricorda? Cosa nascondono le mura della città? Quante mura si nascondono a loro volta all’interno della città? Cosa succede dietro le pareti delle case, sulla pelle del nostro corpo e dentro la nostra anima? Cosa succede in questo labirinto di sipari? Microcosmo e macrocosmo si specchiano, la più piccola delle vibrazioni può trasformarsi in un terremoto. Le mura, anche personali, possono crollare e il silenzio può trovare ascolto, vita. 

Santija Bieza è nata in Lettonia, dove ha intrapreso i primi studi teatrali e di danza. In Italia ha conseguito il Diploma di Maestro d’Arte presso l’Istituto statale P.Toschi. Si è laureata presso l’Università di Roma (D.A.M.S.) seguendo il percorso formativo in regia teatrale e ha effettuato un soggiorno studio in Francia all’Université Rennes nel dipartimento di Arti dello Spettacolo. Collabora e ha collaborato come performer, attrice/danzatrice con vari artisti e compagnie di danza. Attualmente vive e lavora a Bolzano. La sua ricerca artistica si orienta verso le arti performative in cui convergono forme espressive diverse. 

 

GEOMORPHOSIS La vita è movimento e il modo in cui noi ci muoviamo mostra il nostro tragitto. Paesaggi e persone lasciano le loro impronte su di noi, così come noi le lasciamo su di loro. In questo modo nasce una traccia di impronte, che ritroviamo nei nostri movimenti e nel nostro comportamento. Formiamo attivamente e ci lasciamo formare dall’ambiente circostante. Tramite questa videoproiezione ci inoltriamo in un viaggio con la danzatrice attraverso diversi paesaggi, all’interno dei quali ella riesce ad interagire con l’ambiente circostante, mettendo in luce aspetti dell’Essere, momenti di trasformazione ed esperienze passate. 

Animu Dance Company unisce la danza alle arti visuali. Ha mostrato i propri film di danza su diversi schermi, per esempio al Dance Camera West Festival a Los Angeles e al Royal Academy of Music Piano Festival di Londra. La sua prima produzione, Into another body, è stata selezionata per la piattaforma Anticorpi XL in Italia ed è stata presentata al Festival di BolzanoDanza 2015. 

Supported by
3 SPETTACOLI / PERFORMANCES

AYJO-OHJE

EVELIN STADLER (IT/DE)

DENTRO LE MURA (MURATA)

SANTIJA BIEZA (LT/IT)

GEOMORPHOSIS

ANASTASIA KOSTNER, MAARTEN VAN DER GLAS (IT/NL)

11.10. 2000

SALA RAIFFEISEN, LANA

AYJO - OHJE
Con
 Evelin Stadler, Carlo Quartararo, volontari tra gli 8 e 88 anni

 

DENTRO LE MURA (MURATA)
Con
 Santija Bieza, Davide Filippi

Voce Francesco Ippolito

Sound design Stefano Bernardi

Montaggio video Stefano Lisci

 

GEOMORPHOSIS
Con
 Anastasia Kostner, Maarten van der Glas 

Produzione Animu Dance Company

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- €

Ridotto: 7,- € 

(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

PERFORMANCE IN STRADA

BOUNCING, FALLING - BUT NOT GOING DOWN

SARAH MERLER (IT/AT)

13.10. 1100 - 1330

GALLERIA GREIF, BOLZANO

13.10. 1630 - 1930

GALLERIA GREIF, BOLZANO

Le scale creano un passaggio, gli scalini indicano il progresso. Tutte le nostre azioni all’interno della società sono improntate al miglioramento. Le scale in discesa spesso significano regresso, insicurezza, debolezza e sovente vengono collegate alla paura e alla resistenza. 

 

Sarah Merler studia danza classica e contemporanea presso il Conservatorio di Vienna (A). Nel corso della sua formazione ha dato vita a produzioni proprie che hanno riscontrato grande successo, come ad esempio Danza in Vetrina per il Festival BolzanoDanza. 

 

Con Sarah Merler

ENTRATA LIBERA
TEATRODANZA

ZEITSPRÜNGE

GABRIELLA MAIORINO, IDEA-TANZTHEATERPERFORMANCE, SÜDTIROLER TANZKOOPERATIVE (IT/NL)

14.10. 2000

STADTTHEATER, BRUNICO


Altri appuntamenti 15.10. + 16.10. Bolzano - 13.11. + 14.11. Bilbao (ES)

 

Cosa significa invecchiare, crescere, consumarsi? Cos'è il tempo? La vita, così come la danza, insegue al giorno d'oggi un’immagine di eterna giovinezza. Le persone anziane vengono viste come inutili, l’idea della morte viene respinta e la nostra società cerca forzatamente di controllare la vita. Questo progetto esplora il corpo nelle sue trasformazioni. Lavorando con performers tra i 20 e i 60 anni, poniamo al centro della riflessione il tema dell'età. Una ricerca fatta di esperienze e di impressioni che restituisce al funambolismo della vita un pezzo di vitalità.

 

Coreografa italiana residente in Olanda, Gabriella Maiorino si è diplomata alla School for New Dance Development di Amsterdam nel 2002 e da allora tutte le sue creazioni sono state prodotte e finanziate da istituzioni olandesi. Lavora come coreografa anche in Italia, Francia e Brasile. Ha vinto premi riconosciuti internazionalmente quali la Competizione Satelliti (sosta palmizi – Junge Hunde), DansClick Tour in Olanda e Aerowaves a Londra.

 

Con Francesco Barba, Julian Burchia, Anastasia Kostner, Iosu Lezameta, Mariatullia Pedrotti, Doris Plankl

Assistente coreografia Francesco Barba

Musica Giovanni Cavalcoli

Costumi Sara Burchia

Direzione di produzione Doris Plankl

 

Produzione IDEA-tanztheaterperformance, Südtiroler Tanzkooperative

 

 

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- € 
Ridotto: 7,- €
(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

Supported by

ECOLOGICAL FOOTPRINT  Quanto può mettere a nostra disposizione la natura e quanto di tutto ciò utilizziamo? Impronte ecologiche descrive lo spazio necessario che permette di rendere durevole lo stile di vita di una persona. E ognuno di noi, conseguentemente, lascia dietro di sé una grande impronta. 

Sarah Merler studia danza classica e contemporanea presso il Conservatorio di Vienna (A). Nel corso della sua formazione ha dato vita a produzioni proprie che hanno riscontrato grande successo, come ad esempio Danza in Vetrina per il Festival BolzanoDanza. 

 

ZEITSPRÜNGE Cosa significa invecchiare, crescere, consumarsi? Cos'è il tempo? La vita, così come la danza, insegue al giorno d'oggi un’immagine di eterna giovinezza. Le persone anziane vengono viste come inutili, l’idea della morte viene respinta e la nostra società cerca forzatamente di controllare la vita. Questo progetto esplora il corpo nelle sue trasformazioni. Lavorando con performers tra i 20 e i 60 anni, poniamo al centro della riflessione il tema dell'età. Una ricerca fatta di esperienze e di impressioni che restituisce al funambolismo della vita un pezzo di vitalità. 

Coreografa italiana residente in Olanda, Gabriella Maiorino si è diplomata alla School for New Dance Development di Amsterdam nel 2002 e da allora tutte le sue creazioni sono state prodotte e finanziate da istituzioni olandesi. Lavora come coreografa anche in Italia, Francia e Brasile. Ha vinto premi riconosciuti internazionalmente quali la Competizione Satelliti (sosta palmizi – Junge Hunde), DansClick Tour in Olanda e Aerowaves a Londra. 

Supported by
2 SPETTACOLI / TEATRODANZA

ECOLOGICAL FOOTPRINT

SARAH MERLER (IT/AT)

ZEITSPRÜNGE

GABRIELLA MAIORINO, IDEA-TANZTHEATERPERFORMANCE, SÜDTIROLER TANZKOOPERATIVE (IT/NL)

15.10. 2000

TEATRO COMUNALE GRIES, BOLZANO

16.10. 2000

TEATRO COMUNALE GRIES, BOLZANO

ECOLOGICAL FOOTPRINT
Con
 Sarah Merler

Assistente coreografia Katharina Illnar

 

ZEITSPRÜNGE
Con
 Francesco Barba, Julian Burchia, Anastasia Kostner, Iosu Lezameta, Mariatullia Pedrotti, Doris Plankl

Assistente coreografia Francesco Barba

Musica Giovanni Cavalcoli

Costumi Sara Burchia

Direzione di produzione Doris Plankl

 

 

Produzione IDEA-Tanztheaterperformance, Südtiroler Tanzkooperative

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- €

Ridotto: 7,- € 

(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

Come sarebbe, se in futuro dovessimo avere identità separate?

Come sarebbe, se in futuro i corpi fossero uniformati? 

E per fare un passo avanti, chi dovrebbe farlo? 

 

Olatz de Andrés è coreografa, ballerina e traduttrice. Ha studiato danza contemporanea presso l’Università Miguel Hernández (E). Le sue creazioni sono state prodotte in Catalogna, alle Isole Canarie, nei Paesi Baschi e in Francia. Dal 2010 è socia dello Studio per la Creatività e la Danza di Bilbao.

PERFORMANCE IN STRADA

PRIVOLVA LANDING

OLATZ DE ANDRÉS (ES)

17.10. 1100

PIAZZA LINO-ZILLER, BOLZANO


1° premio al 27° Certamen Coreográfico Madrid 2013

 

Con Pilar Andrés, Isaac Erdoiza, Olatz de Andrés

Assistenti Naxto Montero, Izaskun Santamaria

Sound design Jose Urréjola

 

Produzione Muelle 3 Espacio de danza y creación

Co-Produzione Festival BAD (Bilbao)

 

ENTRATA LIBERA
IMPROVVISAZIONE DANZA

CONTACT JAM

17.10. 1500 - 1900

TEATRO COMUNALE GRIES, BOLZANO

La contact Improvisation approfondisce la ricerca del contatto e dell’interazione del corpo nella danza. Include elementi di improvvisazione e virtuosismo acrobatico unitamente ad una dimensione meditativa correlata al rilassamento. Invita alla consapevolezza ed allo sviluppo creativo, valorizzando la spontaneità del movimento nella progressione di un sapere tecnico.

OFFERTA LIBERA
DANZA

MILONGA 

17.10. DISDETTA 

TEATRO COMUNALE GRIES, BOLZANO

Senso e Sentimento… 
Fosse solo una questione di passi, sarebbe solo un ballo! 
A tutti gli amanti del Tango, vi aspettiamo per passare la serata con noi!

La MILONGA è stata disdetta.

ALGAS EN EL AIRE  Il movimento. L'essenza. La turbolenza di un'emozione, la sensazione più sottile, la percezione più remota di un pensiero riverberano nel movimento, nella vibrazione della presenza. A volte le nostre azioni sono disconnesse. A volte nostalgie, desideri di futuro, ossessioni interferiscono, ci portano in altre direzioni. Talvolta danno un impulso verso una direzione, magari ci spingono verso qualcosa, oppure ci soffocano nel niente. Alghe nell’aria: lo studio di un corpo. 

Iosu Lesameta ha studiato danza a Barcellona e ha lavorato diversi anni sotto la direzione di Sabine Dahrendorf e Alfonso Ordonez per la Company Danat, girando per l’Europa, l’America e l’Australia con le loro produzioni. Nel 2000 ha preso parte ad un progetto di Carolyn Carlson per la Biennale di Venezia. Dal 1997 vive in Alto Adige, dove lavora con Veronika Riz e la Tanzkooperative Südtirol. È uno dei fondatori di Alps Move. 

Giulia Manzato ha ottenuto il diploma di ballerina professionista di danza contemporanea e di insegnante presso la Iwanson School for Contemporary Dance di Monaco di Baviera. Ha lavorato con numerosi coreografi quali Patrick Delcroix, Hannes Langolf, Minka-Marie Heiss, Katja Wachter, Jessica Iwanson, Jan Kodet e Jochen Heckmann. 

 

PRIVOLVA Privolva è quella parte del mondo separata dal resto del pianeta. Quella parte che noi non riusciamo a distinguere. In Privolva tre corpi, fra loro dipendenti e funzionali, si muovono tra individualità e collettività. Nel corso della performance viene delineata l’ipotesi coreografica di corpi equamente funzionali all’interno di un futuro distopico. L’uniformazione di un luogo sicuro di sopravvivenza che nel contempo porta alla perdita e alla limitazione della propria identità. 

Olatz de Andrés è coreografa, ballerina e traduttrice. Ha studiato danza contemporanea presso l’Università Miguel Hernández (E). Le sue creazioni sono state prodotte in Catalogna, alle Isole Canarie, nei Paesi Baschi e in Francia. Dal 2010 è socia dello Studio per la Creatività e la Danza di Bilbao. 

Supported by
2 SPETTACOLI / TEATRODANZA

ALGAS EN EL AIRE

IOSU LEZAMETA, GIULIA MANZATO (ES/IT)

PRIVOLVA

OLATZ DE ANDRÉS (ES)

18.10. 2000

TEATRO COMUNALE GRIES, BOLZANO


ALGAS EN EL AIRE
Con
 Giulia Manzato

Assistente coreografia Silvia Morandi

 

Produzione Errante teatro danza

 

PRIVOLVA
Con
 Pilar Andrés, Isaac Erdoiza, Olatz de Andrés

Assistenti Igor de Quadra, Izaskun Santamaria

Sound design Jose Urréjola

Video Raquel Duran

 

Produzione Muelle 3 Espacio de danza y creación

Co-Produzione Festival BAD'11 (Bilbao)

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- € 
Ridotto: 7,- €
(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

I THINK NOT La ballerina e coreografa Claudia Tomasi ha preso parte nel 2011 al Solo Perfomance Commissioning Project della coreografa americana Deborah Hay. Nell’ambito di questo progetto la Hay ha trasmesso le proprie creazioni ai ballerini. I Think Not, una di queste coreografie, viene eseguita giornalmente ed è una nuova interpretazione del pezzo originale, ormai riadattato. In questa versione Claudia Tomasi lavora con il fratello Benjamin Tomasi, artista con il quale da anni progetta nuove installazioni artistiche. 

Claudia Tomasi ha studiato danza e coreografia a Lisbona (PEPCC) e Berlino (HZT). Dal 2004 si cimenta con il metodo Axis Syllabus. Negli ultimi anni ha focalizzato l’attenzione sulle montagne come fonte di ispirazione per le sue coreografie. Dal gennaio 2015 fa parte insieme a Meg Stuart dello spettacolo Formen Formen di Julian Weber. Claudia e il fratello Benjamin Tomasi lavorano insieme ormai da tre anni. 

 

LONG TIME NO SEE  Una performance che fa luce sul processo di creazione di uno spettacolo di danza. Al centro troviamo il corpo umano e la sua trasformazione nel qui ed ora. Punto focale sono la presenza psico-fisica e le esperienze che possono venirsi a creare fra i performers e il pubblico tramite la danza, la musica e le sequenze video. Il confine tra il palco e il pubblico è annullato e viene posto su un terreno sperimentale per tutti i presenti. Ciò che avviene è unico e irripetibile. 

Nata a Seoul, in Corea del Sud, Yungjung ha studiato danza fin da quando era bambina e si è specializzata in danza sperimentale e coreografia presso l’European Dance Development Center (Scuola d’Arte ad Arnheim/Olanda). Da allora ha creato progetti e spettacoli nei quali ha partecipato sia come coreografa che come danzatrice. Attualmente vive a Merano. 

Supported by
2 SPETTACOLI / PERFORMANCES

I THINK NOT

CLAUDIA TOMASI (IT/DE)

LONG TIME NO SEE

YUNJUNG KIM (KR/IT)

21.10. 2000

MUSEION, BOLZANO


I THINK NOT
Coreografia
 Deborah Hay

Interpretazione Claudia Tomasi

Sound, installazione Benjamin Tomasi

 

LONG TIME NO SEE
Con
 Yunjung Kim

Musica Jürgen Winkler

Realizzazione costumi Stanislava Zöschg

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- €

Ridotto: 7,- € 

(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

WE'VE ONLY JUST BEGUN Cosa si prova nella solitudine? Esiste una precisa parte del corpo dove possiamo sentirla, ritrovarla? Sebastián Collado si cimenta in questo spettacolo con le proprie esperienze di solitudine e con le possibili soluzioni per superarla. La coreografia viene eseguita in un luogo personale, il bagno, e su una superficie instabile, la vasca da bagno. Lo spettacolo richiede la partecipazione attiva del pubblico. 

Sebastián Collado González ha studiato danza e teatro in Argentina e ha partecipato a spettacoli in Cile, Brasile, Argentina, Germania, Italia e Norvegia. È uno dei fondatori di 77 Stolenfish, un collettivo artistico berlinese. Attualmente vive e lavora ad Innsbruck e insegna danza contemporanea in Austria e in Italia. 

 

ARTIKELNR.: 0371121  Quattro figure ballano in un video secondo un modello di movimento a cappella. Viene a crearsi un reticolo musicale, una totalità che si orienta a modelli ben definiti. In primo piano si trova la voce solista, che inizialmente si adegua omogeneamente alle altre voci. Successivamente si definiscono caratteri individuali che portano a contrasti ed eccessi: una riflessione sul tema dell’individualità, della norma e della società. 

Nata a Gais, Katharina Schwärzer ha studiato educazione ritmica e musicale presso l’Università di Musica e Arti di Vienna. Oltre ad occuparsi di arti performative, danza contemporanea e Butoh, Katharina è una delle fondatrici di 77 Stolenfish, un collettivo artistico berlinese. Attualmente è coreografa in numerosi progetti in Italia e all’estero. 

2 SPETTACOLI / PERFORMANCES

WE'VE ONLY JUST BEGUN

SEBASTIÁN COLLADO GONZÁLEZ (CL/AT)

ARTIKELNR.: 0371121

KATHARINA SCHWÄRZER (IT/AT)

01.11. 2000

FREIES THEATER, INNSBRUCK


WE'VE ONLY JUST BEGUN
Con
 Sebastián Collado González

 

ARTIKELNR.: 0371121
Con
 Katharina Schwärzer

Video Joe Berger

TICKETS

Biglietto singolo: 8,- €

Ridotto: 5,- € 

(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

INSTALLAZIONE VIDEO / PERFORMANCE

GEOMORPHOSIS

ANASTASIA KOSTNER, MAARTEN VAN DER GLAS

23.10. - 08.11. 

CIRCOLO ARSTISTICO E CULTURALE, ORTISEI

30.10. 2030 

CIRCOLO ARSTISTICO E CULTURALE, ORTISEI

Vernissage: 23.10. alle ore 20.30 con Band Noluntas
Performance: 30.10. alle ore 20.30 Uhr con Anastasia Kostner e Maarten van der Glas

 

La vita è movimento e il modo in cui noi ci muoviamo mostra il nostro tragitto. Paesaggi e persone lasciano le loro impronte su di noi, così come noi le lasciamo su di loro. In questo modo nasce una traccia di impronte, che ritroviamo nei nostri movimenti e nel nostro comportamento. Formiamo attivamente e ci lasciamo formare dall’ambiente circostante. Tramite questa videoproiezione ci inoltriamo in un viaggio con la danzatrice attraverso diversi paesaggi, all’interno dei quali ella riesce ad interagire con l’ambiente circostante, mettendo in luce aspetti dell’Essere, momenti di trasformazione ed esperienze passate.

 

Animu Dance Company unisce la danza alle arti visuali. Ha mostrato i propri film di danza su diversi schermi, per esempio al Dance Camera West Festival a Los Angeles e al Royal Academy of Music Piano Festival di Londra. La sua prima produzione, Into another body, è stata selezionata per la piattaforma Anticorpi XL in Italia ed è stata presentata al Festival di BolzanoDanza 2015.

 

Con Anastasia Kostner, Maarten van der Glas

Produzione Animu Dance Company

 

Supported by
TEATRODANZA

LEAR RAUFT SEIN WEISSES HAAR

MARTINA MARINI

29.12. 2000

THEATER IN DER ALTSTADT, MERANO


Spettacolo di teatro-danza liberamente tratto da King Lear di W. Shakespeare

Il dramma comincia con la decisione di re Lear di abdicare e dividere il suo regno fra le tre figlie Goneril, Regan e Cordelia. In un eccesso di vanità senile non riconosce il vero affetto e la modestia della figlia minore e la disereda. Il suo errato giudizio sulle figlie lo porterà verso la caduta.

 

Martina Marini, nata a Merano, ha studiato danza contemporanea, coreografia, teatro-danza e pedagogia della danza a Bologna, Roma e Berlino. Dal 1996 al 2004 ha fatto parte della Compagnia Chorea a Bologna, sotto la direzione di Nicoletta Sacco. È una delle fondatrici di Alps Move e dal 2007 coreografa per il suo gruppo di danza Tanzschmiede Fucinadanza.

 

Con Nora Pider, David Bauer, Johanna Porcheddu, Hans Marini, Raimund Marini

Musica Gregor Marini

Costumi Theater in der Altstadt

 

Produzione Tanzschmiede / Fucinadanza

 

Supported by
KONTAKT & VERANSTALTUNGSORTE