ALPS MOVE

ALPS MOVE é il festival di danza regionale in Alto Adige. Essendo piattaforma per opere di danza contemporanea e di teatrodanza ALPS MOVE invita danzatori e danzatrici sudtirolesi – rientrando da tutta l’Europa – a proporre le proprie opere. L’incarico del Festival é infatti il rafforzamento del movimento danza in Alto Adige. Nato come iniziativa della Südtiroler Tanzkooperative, un’associazione di danzatori e danzatrici regionali, si impegna per creare delle vere e proprie possiblità per la presentazione di opere di danza regionali.
 

Nel 2016 il Festival si rinnova proponendo un nuovo formato: per la prima volta il calendario di spettacoli si protrae da ottobre a dicembre con manifestazioni a Lana, Bolzano, Innsbruck e Merano. Spettacoli che vedranno coinvolti ben 16 artisti altoatesini tra danzatori e coreografi, molti dei quali residenti all’estero e attivi in importanti centri tra cui Berlino, Kassel e Vienna.


In più ALPS MOVE vuole instaurare delle relazioni per contribuire ad un vivace scambio culturale utile al movimento danza sudtirolese. Progetti di scambio e la collaborazione con coreografi internazionali aiutano a instaurare nuovi contatti. 
 
Anche la gioventù vuole e deve esprimersi con la sua danza. Il Festival rinforza il contatto del pubblico giovanile con la danza proponendo degli spettacoli scolastici, ma anche offrendo la possibilità ai giovani di salire sul palco.
 
Noi vogliamo promuovere la danza regionale, movimentarla e costruirla. Non vediamo l’ora di incontravi durante il nostro percorso!

IN COLLABORAZIONE CON

Errante teatrodanza, Merano

idea-tanztheaterperformance_Doris Plankl, Bolzano

Associazione culturale Muspilli, Merano

Tadanz, Lana

NocheinTango, Lana

Tanzschmiede / Fucinadanza_Martina Marini, Merano

CONTATTO

Südtiroler Tanzkooperative 

Vicolo Braunsberg 6

I-39011 Lana (BZ) 

T +39 333 4412933 

info(at)alpsmove.it

PROGRAMMA

GENDER PLAY è una coreografia ironica, che però non dimentica il dramma di nascere in un corpo sbagliato. Il danzatore e la danzatrice giocano con immaginari femminili e maschili, si scambiano i costumi e i ruoli, analizzano vari cliché, sperimentano una fisicità diversa dalla propria e si rendono conto della fatica che si prova a dover rappresentare ciò che non si é. 

Fucinadanza is a semi-professional company of dancers and actors from different artistic backgrounds founded in 2007, when its members were working with choreographer and director Martina Marini on new forms of expression in the field of Dance Theatre.

DASS ICH EINS UND DOPPELT BIN - REVISITED L’idea dell’inseparabilità dell’elemento femminile da quello maschile e viceversa, trova riscontro nella maggior parte delle culture e dei miti dell’antichità. Il concetto e la figura dell’androgino si rifanno all’idea originaria dell’unione tra il cielo e la terra. Cielo e terra definiscono con la loro presenza lo spazio universale: il sole e la luna, il giorno e la notte, il trascorrere del tempo. In questo pezzo teatrale si va a rievocare un sogno sopito nella coscienza dell’umanità, da sempre correlato all’esistenza e all’identità sessuale degli individui. 

Idea produce da più di vent’anni progetti nel campo della danza, teatro e performance. Doris Plankl e Remo Rostagno lavorano assieme da molti anni condividendo la loro curiosità per i temi universali e le ricerche sul movimento.

Supported by
2 SPETTACOLI / PERFORMANCES

GENDER PLAY 

FUCINADANZA_MARTINA MARINI (IT)

DASS ICH EINS UND DOPPELT BIN - REVISITED 

IDEA TANZTHEATERPERFORMANCE (IT)

09.12. 2000

TEATRO PUCCINI, MERANO

10.12. 2000

TEATRO PUCCINI, MERANO

GENDER PLAY
Idea e Regia Martina Marini 
Coreografia Martina Marini con gli interpreti
Interpreti Riccardo Meneghini, Anastasia Kostner
Disegno luci Carlo Quartararo
Produzione Tanzschmiede 

DASS ICH EINS UND DOPPELT BIN - REVISITED
Concetto 
Doris Plankl, Remo Rostagno
Regia e coreografia Remo Rostagno
Interprete Doris Plankl
Costumi e scenografia Erika Inger, Doris Plankl, Remo Rostagno
Foto Florian Puff
Video Wolfgang Wohlfahrt
Produzione idea_tanztheaterperformance

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- €

Ridotto: 7,- € 

(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

Un progetto interdisciplinare tra musica teatro e danza. I musicisti di “Cortinas Orquesta Atipica” presentano i loro pezzi musicali sotto forma di teatro-danza. La musica diventa pretesto per raccontare le loro storie. In questo spazio teatrale c’é posto per la musica il teatro e la danza. 

Cortinas Orquesta Atipica si richiama al mondo del Tango Argentino.
La "Cortina" è il brano, di solito non ballabile, che conclude una tanda ovvero un gruppo di 4 tanghi omogeneo per autore e stile. Le orchestre di Tango si chiamano spesso "Orquesta Tipica". Cortinas Orquesta Atipica vuole essere perciò il ponte, la “cortina”, tra musica e poesia, punto d'incontro tra varie culture musicali.

Un ringraziamento a: Franz e Jutta Recla, B&B Cervo d'oro

Supported by
TEATRODANZA

FRATELLI CORTINAS

CORTINAS ORQUESTA ATIPICA (IT)

11.12. 2000

TEATRO PUCCINI, MERANO

RegiA Helga Walcher

ChreografiA Franz Weger, Mariatullia Pedrotti

Performance Elizabeth Orion, Fernando Nuresi, Franz Weger

Luci Carlo Quartararo

Musica Cortinas Orquesta Atipica

Foto Francesco Ferro

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- € 
Ridotto: 7,- €
(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

TANGO ARGENTINO

MILONGA

NOCHEINTANGO

11.12. 2130 - 2400

TEATRO PUCCINI, MERANO

Fosse solo una questione di passi, sarebbe solo un ballo.

con DJ Carlo Carcano

INGRESSO GRATUITO
OLTRE IL FESTIVAL / TEATRO DANZA

SIEBEN SEKUNDEN 

FUCINADANZA_MARTINA MARINI + FABRIK AZZURRO (IT/DE)

30.11., 02.12., 03.12.16 

DEKADENZ, BRESSANONE

ALTRI APPUNTAMENTI: 

THEATER IN DER ALTSTADT, Merano: 08., 10., 11. 01.17 
WESTBAHNTHEATER, Innsbruck: 13., 14., 15.01.17 
UFO, Brunico: 29., 30.03.17

 

Teatrodanza ispirato a un testo di Falk Richter 

Messa in scena Torsten Schilling e Martina Marini

Interpreti Anastasia Kostner, Eva Kuen, Riccardo Meneghini,

Peter Schorn, Christoph Stoll

supported by

Lo spettacolo si ispira al concetto di Anima e Animus, famosa coppia di archetipi dell’inconscio collettivo individuata da Carl Gustav Jung, ovvero l’Anima come “lato femminile” della psiche maschile e l’Animus come complesso di attributi maschili in potenza nell’inconscio femminile. Nella danza questi archetipi contrapposti si muovono alla ricerca dell’armonia e dell’unione delle energie complementari. Tutto ruota intorno al dualismo Uomo/Donna e l’attrazione degli opposti, la cui convivenza è innegabilmente ardua e raramente tranquilla. 

Riccardo Meneghini si forma in diverse scuole di danza tra cui l’ “Accademia Isola Danza” della Biennale di Venezia e “Transitions” al Laban Centre di Londra dove consegue il diploma in Performance con merito. Vanta collaborazioni con coreografi come Carolyn Carlson, Russell Maliphant, Rui Horta, Didi Veldman, Janet Smith, Liv Lorent e molti altri.

 

PERFORMANCE IN STRADA

ANIMA_ANIMUS

RICCARDO MENEGHINI (IT)

15.10. 10.30, 11.30

BIBLIOTECA, LANA

18.10. 10.3011.30

AM GRIES, LANA

Con Riccardo Meneghini, Giulia Piana

ENTRATA LIBERA

Eight si ispira alla cifra 8, all’armonia della sua forma perfetta e al suo significato. Una sorta di viaggio fantastico nell’evoluzione, dove si rende evidente la complessità dell’uomo, il dualismo insito nella sua natura e la trama di connessioni che lo circondano. The Ripe and Ruin rappresenta il decadimento e la rinascita, il cerchio della vita e l’atto del distacco, necessario per dare spazio al nuovo. 

Marion Sparber è originaria di Nalles e lavora da anni come libera professionista in veste di coreografa, ballerina e insegnante di danza a Berlino. Si è formata presso la “Iwanson Schule” di Monaco e Varium, a Barcellona. Il duetto Eight è il suo primo lavoro in collaborazione con Nerea  Martínez Martín. I video sono stati ripresi e montati da Keren Chernizon (Projeto SOLO).

Supported by
TEATRODANZA

EIGHT + VIDEO + THE RIPE AND RUIN

MARION SPARBER (IT/DE)

21.10. 2000

SALA RAIFFEISEN, LANA

Con Marion Sparber, Nerea Martínez Martin

Musica Rob Hayden, Richie Salvador, Aurélie Emery, Nine Inch Nails, Alt-J

Video Keren Chernizon (Projekt SOLO) 

 

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- € 
Ridotto: 7,- €
(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

Uno specchio riflette la tua immagine, l’immagine dell’altro. Siamo nudi, presenti, vulnerabili.
Mirror(s) indaga la rappresentazione del corpo e della soggettività sullo sfondo del pensiero femminile contemporaneo. Due performers ed alcuni volontari attraversano temi ed esperienze personali correlate al valore della differenza di genere e alla forma delle relazioni nel mondo delle identità fluttuanti. Includendo il pubblico in una zona di ascolto sensibile, condividono uno spazio esposto alla vulnerabilità dei desideri e dei corpi.  

Fondata nel 2013 dal danzatore Jesus Lezameta e dalla performer Silvia Morandi, la compagnia Errante Teatro Danza elabora una ricerca sul corpo e le mediazioni tra individuo, ambiente, società; collabora in modo continuativo con Gabriella Maiorino, coreografa riconosciuta a livello internazionale attiva in Olanda, Italia, Francia e Brasile.

TEATRO DANZA

MIRROR(S)

ERRANTE TEATRO DANZA & GABRIELLA MAIORINO (IT/NL)

22.10. 2000 + 2130

SALA RAIFFEISEN, LANA

Con Jesus Lezameta, Silvia Morandi e un gruppo di volontari coinvolti nel progetto nell’ambito di un workshop

Musica Richard Crow

BIGLIETTI

Biglietto singolo: 12,- € 
Ridotto: 7,- €
(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

La coreografia ruota attorno alla dialettica tra uomo e macchina, e la tensione tra la mente, il cuore e l’azione. E’ un lavoro dedicato all’uomo in quanto essere pensante, emozionale e creativo, e mette a fuoco di volta in volta le varie manifestazioni di questi aspetti che caratterizzano l’individuo. Sia la musica che i musicisti fanno parte della messa in scena, sottolineando il dialogo tra musica e danza qui inteso come un unico processo in divenire. I singoli brani musicali - tutti animati da un messaggio specifico – conoscono attraverso la trasposizione coreografica un ampliamento del loro significato.  

Evelin Stadler, nata e cresciuta a S. Paolo, si è formata alla “Folkwang-Universität der Künste”, ad Essen. Ha lavorato per diverse compagnie di danza ad Essen, Berlino e Münster. Dal 2005 è soprattutto attiva come coreografa e interprete nei propri lavori.

TEATRO DANZA

UNCANNY VALLEY

EVELIN STADLER (IT/DE)

23.10. 2000

SALA RAFFEISEN, LANA


Con Bettina Helmrich, Anastasia Kostner, Evelin Stadler, Maristella Tanzi
Musica dal vivo Ensemble Phorminx
Luci Carlo Quartararo
Suono Frank Gerhardt
costumi - scenografia Evelin Stadler
direzione di produzione Evelin Stadler

BIGLIETTI

Biglietto singolo: 12,- € 
Ridotto: 7,- €
(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

SPETTACOLO PER LE SCUOLE

DRAMA SOUND CITY

STALKER TEATRO (IT)

18.11. 1100

TEATRO COMUNALE GRIES, BOLZANO

Drama Sound City è un progetto in collaborazione con i musicisti di Ozmotic. Una performance dal forte impatto visivo e musicale, uno spettacolo dal vivo visionario, un ponte tra electro music e performing art. La performance conduce lo spettatore attraverso sei scene/ quadri visionari, scanditi da luci, azioni e suoni che compongono e scompongono geometrie della periferia cittadina come in un time lapse che ne cattura le rapide trasformazioni, cogliendone i caratteri più solitari, notturni, enigmatici. 

La Compagnia Stalker Teatro è attiva professionalmente dagli anni '70 nel campo del teatro d'innovazione.

 

Scarica informazione per scuole

BIGLIETTI

Studenti: 5 €
insegnanti e accompagnatori: gratuito

IMPROVVISAZIONE DANZA

CONTACT-JAM

SÜDTIROLER TANZKOOPERATIVE (IT)

19.11. 1400 - 2000

TEATRO COMUNALE GRIES, BOLZANO


La contact Improvisation approfondisce la ricerca del contatto e dell’interazione del corpo nella danza. Include elementi di improvvisazione e virtuosismo acrobatico unitamente ad una dimensione meditativa correlata al rilassamento. Invita alla consapevolezza ed allo sviluppo creativo, valorizzando la spontaneità del movimento nella progressione di un sapere tecnico.

OFFERTA GRATUITA
Supported by

UMRISSE VOM ICH ODER DU Cosa ci rende ciò che siamo? Come stabiliamo i nostri limiti e quelli degli altri nel nostro relazionarci a chi ci sta attorno? Con cosa riempiamo i contorni della nostra esistenza e cosa invece escludiamo? Connettendo danza e letteratura le artiste cercano di trovare una risposta a queste domande affrontando tematiche politiche e sociali ed il complesso rapporto tra danza e linguaggio. 

Sarah Merler studia danza classica e contemporanea presso il Conservatorio di Vienna (A). Nel corso della sua formazione ha dato vita a produzioni proprie che hanno riscontrato grande successo, come ad esempio Danza in Vetrina per il Festival BolzanoDanza. 

 

DRAMA SOUND CITY Drama Sound City è un progetto in collaborazione con i musicisti di Ozmotic. Una performance dal forte impatto visivo e musicale, uno spettacolo dal vivo visionario, un ponte tra electro music e performing art. La performance conduce lo spettatore attraverso sei scene/ quadri visionari, scanditi da luci, azioni e suoni che compongono e scompongono geometrie della periferia cittadina come in un time lapse che ne cattura le rapide trasformazioni, cogliendone i caratteri più solitari, notturni, enigmatici. 

La Compagnia Stalker Teatro è attiva professionalmente dagli anni '70 nel campo del teatro d'innovazione; sviluppa la propria ricerca nel rapporto tra teatro e arti visive, producendo spettacoli ed eventi performativi partecipati, con una forte vocazione sociale. Ha sviluppato importanti progetti con Michelangelo Pistoletto in Italia e in Europa presso festival, teatri, università, e musei d'arte contemporanea.

2 SPETTACOLI / TEATRODANZA

UMRISSE VOM ICH ODER DU

SARAH MERLER (IT/AT)

DRAMA SOUND CITY

STALKER TEATRO, OZMOTIC (IT)

18.11. 2000

TEATRO COMUNALE GRIES, BOLZANO

ECOLOGICAL FOOTPRINT
Con Sarah Merler, Katharina Illnar
Testo Greta Pichler
Foto Katharina Illnar

 

DRAMA SOUND CITY
Concetto e regia Gabriele Boccacini
Musica Ozmotic-Stanislao Lesnoj, SmZ
Con Elena Pisu, Dario Prazzoli, Stefano Bosco
Luci Andrea Sancio Sangiorgi
Foto Giorgio Sottile Video Fabio Melotti
Produzione Stalker Teatro | Ozmotic

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- €

Ridotto: 7,- € 

(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

LA NATURA NON CHIEDE PERMESSI Da una parte la natura sapiente e istintiva, i meccanismi biologici, i bisogni fisiologici e universali, dall’altra le regole, i condizionamenti sociali, i modelli culturali, il controllo intellettuale, l’ideologia. Cosa succede quando queste forze non hanno un punto di incontro? Al centro di questa performance è il corpo, che intrappolato in questa tensione dialettica si muove sperimentando i suoi limiti e possibilità. 

Nata in Lettonia, Santija Bieza si forma in Italia presso l’Istituto statale P. Toschi e l’Università Roma Tre (D.A.M.S.), seguendo il percorso in regia del teatro. Ha frequentato la “Université Rennes 2”, nel dipartimento Arte dello spettacolo. Dal 2010 al 2014 collabora con il gruppo artistico Ponte Infinito. Il suo lavoro d’artista si orienta verso le arti performative e l’utilizzo di formati diversi.

SEE2016  è una performance basata sulla danza contemporanea, che sfrutta dei metodi di ricerca sul movimento come strumento per creare un’azione che produca nel pubblico una partecipazione visiva cosciente. Al centro sono il moto e la gravità, l’osservazione di ogni caratteristica del movimento in tempo reale e dei pattern naturali che il corpo danzante produce.  

Nata a Seoul, Corea del Sud, Yungjung Kim ha studiato danza fin dall’infanzia. Si è laureata presso l’EDDC (European Dance Development Center, Arnhem, Paesi Bassi) nel 2003, in danza e coreografia. Da allora è attiva come danzatrice e autrice delle proprie coreografie. Vive a Merano.

Supported by
2 SPETTACOLI / TEATRODANZA

LA NATURA NON CHIEDE PERMESSI

SANTIJA BIEZA (LT/IT)

SEE 2016

YUNJUNG KIM (LT/IT)

30.11. 2000

MUSEION, BOLZANO


LA NATURA NON CHIEDE PERMESSICoreografia e performance Santija Bieza Video Marco Sonna

SEE 2016
Concetto Yunjung Kim
Coreografia e performance Won Kim, Yunjung Kim
musiche originali Jürgen Winkler

 

 

 

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- € 
Ridotto: 7,- €
(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

Salvation indaga contemporanei scenari di “redenzione”, da cui nascono un’installazione ed una performance. L’installazione riproduce un piccolo, scintillante e roseo universo femminile, come la stanza nella torre della Bella Addormentata. Il pezzo inscena una sorta di fiaba principesca in forma di performance: la protagonista aspetta la chiamata redentrice del suo principe, ma il suo mancato concretizzarsi da luogo ad una sorta di “liturgia” dell’adorazione romantica. 

VonPiderZuHeiss è un laboratorio di teatro in continua trasformazione, nato a Vienna nel 2009. Fin dall’inizio strettamente legato alle forme della danza ed interessato alle figure corporee. Si caratterizza per l’accurata scelta musicale, ed uno sguardo alla drammaturgia contemporanea, da poco anche di propria creazione. Battezzato così da Nora Pider – ballerina, performer, attrice – e Anna Heiss – regista e sceneggiatrice. Spesso accompagnate da Julian Angerer, compositore e musicista. 

Supported by
TEATRODANZA

SALVATION

VONPIDERZUHEISS (IT/AT)

07.12. 2000

FREIES THEATER, INNSBRUCK

Concetto Anna Heiss, Nora Pider
Performance Nora Pider 
Installazione Elisa Bergmann, Anna Heiss, Nora Pider
Costumi Elisa Bergmann, Yuli Chulkova
Musica Julian Angerer, Niki Comploi
Foto Mirja Kofler per NUJ / Provincia Autonoma Alto Adige
Assistenze della produzione Daniela Leitner

TICKETS

Biglietto singolo: 8,- € 
Ridotto: %,- €
(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

CONTATTO & LUOGHI D'ESIBIZIONE