ALPS MOVE

ALPS MOVE é il festival di danza regionale in Alto Adige. Essendo piattaforma per opere di danza contemporanea e di teatrodanza ALPS MOVE invita danzatori e danzatrici sudtirolesi – rientrando da tutta l’Europa – a proporre le proprie opere. L’incarico del Festival é infatti il rafforzamento del movimento danza in Alto Adige. Nato come iniziativa della Südtiroler Tanzkooperative, un’associazione di danzatori e danzatrici regionali, si impegna per creare delle vere e proprie possiblità per la presentazione di opere di danza regionali.
 

Nel 2018 il Festival prosegue con il nuovo formato e propone un calendario di spettacoli che si protrae da settembre a novembre con manifestazioni a Fiè allo Sciliar, Lana, Merano, Bolzano e Ortisei. La programmazione vede coinvolto una vasta gamma di spettacoli e artisti, molti dei quali residenti all’estero e attivi in importanti centri tra cui Berlino e Parigi.


In più ALPS MOVE vuole instaurare delle relazioni per contribuire ad un vivace scambio culturale utile al movimento danza sudtirolese. Progetti di scambio e la collaborazione con coreografi internazionali aiutano a instaurare nuovi contatti. 
 
Anche la gioventù vuole e deve esprimersi con la sua danza. Il Festival rinforza il contatto del pubblico giovanile con la danza proponendo un workshop nelle scuole a fine ottobre/ inizio novembre.

Già nell'estate 2018 si è svolta la COMMUNITY DANCE ACADEMY. Dal 23 luglio al 4 agosto bambini e ragazzi di tutta la provincia hanno partecipato a un workshop che si è concluso con lo spettacolo finale il 4 agosto e che ha visto i partecipanti del workshop impegnati nello spettacolo "Brücken bauen/ Costruire ponti" assieme ai musicisti dell'Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. www.communitydance.it 
 
Noi vogliamo promuovere la danza regionale, movimentarla e costruirla. Non vediamo l’ora di incontravi durante il nostro percorso!

UN INIZIATIVA DI

COOPERATIVE SUDTIROLESE TEATRO DANZA e

Errante teatrodanza, Merano

idea-tanztheaterperformance_Doris Plankl, Bolzano

Associazione culturale Muspilli, Merano

Tanzschmiede / Fucinadanza_Martina Marini, Merano

 

In collaborazione con La Fundicion, Teatro La Limonaia 

CONTATTO

Südtiroler Tanzkooperative 

Vicolo Braunsberg 6

I-39011 Lana (BZ) 

T +39 338 8144999

info(at)alpsmove.it

PROGRAMMA

Little Arizona è un maneggio abbandonato. Qui le tracce e i ricordi della storia del paese di Fié allo Sciliar si mischiano a quelle dell’infanzia degli artisti. Questo spazio denso di suggestioni diventa il teatro di una performance che è il risultato di una serie di incontri - “open circles” - tra gli artisti e gli abitanti del paese. L’“Archivio Collettivo Little Arizona” traduce in termini sonori e coreografici la paziente raccolta e ricostruzione della coscienza collettiva di un paese.

"Nel 2016 Ingrid Hora mi ha invitato ad implementare ed attivare coreograficamente una sua mostra di oggetti scultorei al DAZ di Berlino. In quel contesto i visitatori potevano, spontaneamente o su invito, insegnarmi un esercizio fisico da replicare. Da quel materiale nacque la performance "Kollektives Archiv von körperlichen Übungen für einen Körper", realizzata in dialogo con lo spazio espositivo e le sculture sonore di Benjamin. L’idea di Little Arizona è riproporre questa esperienza a Fié, organizzando degli “open circles” dove gli abitanti del paese siano invitati a trasmettere una storia, un movimento o un suono."

Supported by
PERFORMANCE

LITTLE ARIZONA

CLAUDIA & BENJAMIN TOMASI (IT/DE/AT)

29.09. 20.00

 

 

FIÉ ALLO SCILIAR -EX MANEGGIO "LITTLE ARIZONA"

Punto d’incontro: Davanti all'ufficio turistico alle ore 19.30 (vicico alla rotonda)
In caso di pioggia la peformance si svolgerá al ex-café Waldmann


Concetto e produzione 
Claudia und Benjamin Tomasi
Coreografia e interprete Claudia Tomasi
Foto Claudia und Benjamin Tomasi
Sound design  Benjamin Tomasi
Light design  Claudia und Benjamin Tomasi, Carlo Quartararo

 

PRIMA ASSOLUTA

INGRESSO GRATUITO

Come si percepisce il movimento più sottile attraverso gli occhi della pelle? Una performance che indaga le sensazioni del corpo senza ricerca della forma, ma con la spontaneità dell’essenza del movimento. La forma non rimane mai, muta e si trasforma per tornare al punto di partenza. Tutto é controllabile ma allo stesso tempo niente é controllabile.

Always through the eyes, a skin poetry into the smallest crystalline movement, everywhere. Without limitations. From a naked breath with your tongue. The form never stays the same, you can control this,  and nothing.

Stefania Bertola, dancer, choreographer and teacher, trained as a dancer in Bolzano. She then pursued her study path in various cities including Berlin, New York and in Israel.

Elisabeth Ramoser trained at the Academy of Fine Arts of Perugia. She later attended numerous courses and masterclasses including the Dance Works in Berlin, the SEAD in Salzburg and the Young Batsheva Ensemble.

Supported by
STREETPERFORMANCE

THROUGH STREET

ELISABETH RAMOSER, STEFANIA BERTOLA (IT)

02.10., 1100 

LANA, AM GRIES

 

03. + 04.10., 11.00

MERANO, VIA CASSA DI RISPARMIO

Coreografia e interprete Elisabeth Ramoser, Stefania Bertola 

INGRESSO GRATUITO

STRIVE: L’istinto di sopravvivenza dell’uomo, profondamente ancorato nel suo essere sin dalle origini della specie, si rivela anche nell’odierna società dei consumi e dei media. Ma in quale misura questo istinto, trasmesso attraverso le generazioni, si manifesta nel mondo moderno e civilizzato? Quali sono i nuovi pericoli che dobbiamo affrontare, ora che il nostro nemico non sono più gli animali selvatici? Perché non siamo mai soddisfatti? Perché continuiamo ad accumulare anche quando abbiamo risorse a sufficienza per sopravvivere?
Anastasia Kostner si interroga sull’origine dell’avidità e della frenesia di consumo che caratterizza la nostra società, chiedendosi in che misura sia espressione del nostro istinto di sopravvivenza.

“Nel creare questa performance mi sono chiesta se la crescita costante della nostra società, della nostra economia, sia dovuta ad una spinta, una pressione sociale, o se piuttosto nasca da un nostro bisogno primario, qualcosa di indelebile che ci portiamo dentro sin dalle origini della nostra specie”.

Anastasia Kostner is a freelance dancer and choreographer since 2012. Graduating from IDA in Linz (AT), Laban in London (UK), she devoted herself to performing, showcasing in South Tyrol and the Netherlands, amongst others also at Dance Camera West (USA), Anticorpi XL (IT), La Becquée (FR).

MEETING POINT Due ragazzi – entrambi brasiliani ma provenienti da due diverse città – hanno dovuto viaggiare per 8.000 chilometri e attendere molti anni prima di incontrarsi, per la prima volta, dalla parte opposta del pianeta, scoprendo quello che hanno in comune. Hanno scoperto che i destini possono incrociarsi nel labirinto della vita, trasformandoci in persone nuove. Hanno scoperto un luogo dove regna la passione per la danza.

Thiago Luiz Almeida e Caio Henrique de Souza hanno fuso breakdance ed hip hop guidati da Asier Zabaleta, proveniente dalla danza contemporanea, creando qualcosa di nuovo e indefinito, e che tuttavia li definisce tutti e tre.

ERTZA was created by the dancer and choreographer Asier Zabaleta in 2004, with the aim of finding a new space in which different artistic disciplines could work together through contemporary dance. Its works have been performed in many countries in Europe, Asia and South America and have been awarded many international prizes.

Con il sostegno di: Comune di Merano  

2 SPETTACOLI

STRIVE

ANASTASIA KOSTNER, FUCINADANZA (IT/NL)

MEETING POINT

ERTZA (ES)

05.10. 2000

SALA RAFFEISEN, LANA

16.11., 20.00

 Casa di Cultura Ortisei (solo STRIVE)

STRIVE

Concetto Anastasia Kostner, Martina Marini
Coroegrafia Anastasia Kostner in Zusammenarbeit mit den Darstellern
InterpretiCamilla Bundel, Christian Guerematchi, Riccardo Meneghini, Anastasia Kostner 
Music & Sound Rutger Muller
Disegno luciCarlo Quartararo
Costumi Tanzschmiede
Foto Maarten van der Glas
Produzione Tanzschmiede 

 

MEETING POINT
Regia Azier Zabaleta 
Coreografia Azier Zabaleta  in Zusammenarbeit mit den Darstellern
Interpreti Thiago Luiz Almeida & Caio Henrique de Souza
Foto Azier Zabaleta 
Produzione Ertza

 

Programma in prima nazionale

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- €

Ridotto: 7,- € 

(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

L'ETERNE PRESENTE L’essere umano è forse l’unico animale che vive contemporaneamente tre dimensioni temporali: il passato, il presente e il futuro. Può farlo perché ha una memoria che gli permette di ricordare le proprie origini e le esperienze passate, ed una mente capace di immaginare il futuro. E grazie al linguaggio, ai segni, alla musica, alla danza, è in grado, fin dagli albori della sua specie, di narrare la propria storia e trasmetterla. Quest’uomo tridimensionale, “narrante”, è oggi in pericolo. L’universo online, la rete, costituisce una continua sollecitazione per i nostri sensi, costringe rispondere agli stimoli in tempo reale, affievolendo la nostra capacità di ricordare e di immaginare.

 

Cosa succederebbe se l’uomo perdesse questa capacità di narrare, se la tecnologia e l’esigenza di essere sempre connesso lo privassero della capacità di ricordare, tagliassero le sue radici intrappolandolo in un eterno presente?

Sabine Raffeiner is a dancer and pedagogue and for over 28 years she has been teaching at the dance school Arabesque in Merano (IT). Since 1988 she has been working with various organizations both as a dancer and choreographer, arranging performances, short pieces and her own choreographies. Winner of the “Fersen” Award for Direction in 2016.

Con il gentile sostegno della Scuola di danza Arabesque Merano asd, Stephan Raffeiner, Fosca Schiavo; 

OUT OF HOME Trasferirsi in un nuovo ambiente non è facile. Ne siamo in un primo momento sopraffatti, cerchiamo di mettere ordine e di capire ciò che ci circonda, per trovare un posto nella nuova comunità. È possibile lasciarci andare e seguire la corrente, in un ambiente e in una società che con noi hanno poco o niente a che fare? “Out of home” affronta il tema dell’identità e delle radici attraverso la danza contemporanea e la danza aerea, allargando il concetto della migrazione ad ogni spostamento in un contesto estraneo dove si è contemporaneamente messi a confronto con la nuova società, i suoi pregiudizi, e la propria precaria identità.

A cosa andiamo incontro quando abbandoniamo la nostra terra? Quali sono gli ostacoli nell’approccio ad una nuova cultura? Quali sono i nostri appigli nell’affrontare un nuovo percorso?

Born in Meran in 1994 Rixa Rottonara moved to Berlin after High School to explore performing arts at the school Die Etage, where she also discovered arial acrobatics. In summer 2018 she performed in Carmen in the Kammeroper Schloss Rheinsberg under the direction of Giorgio Madia.

 

2 PERFORMANCES

L'ETERNO PRESENTE 

SABINE RAFFEINER (IT)

OUT OF HOME

RIXA ROTTONARA (IT/DE)

06.10. 2000

SALA RAIFFEISEN, LANA

L'ETERNO PRESENTE
Coroegrafia 
Sabine Raffeiner con gli interpreti
Concetto, regia, costumi Sabine Raffeiner
Interpreti Laura Andrian, Silvia Greghi, Eleonora DeMaio, Tania Ottavi
Foto Catello Nigro
Musica Autori vari
Lightdesign Sabine Raffeiner, Carlo Quartararo
Testi Paolo Quarta
Scultura Giuseppe Dondi

OUT HOF HOME

Coreografia e interprete Rixa Rottonara, Rebecca Dirler
Concetto Rixa Rottonara, Kristina Francisco
Foto Louis Edgar Maxillian Schulze
Musica verschiedene Autoren
Lightdesign Rixa Rottonara, Carlo Quartararo
Regia, Produzione Rixa Rottonara

 

programma in prima nazionale 

ENTRATA LIBERA

LA BAMBINA IMPERTINENTE Il rito è un’azione, propria di un gruppo o di un individuo, che obbedisce a proprie regole. Questo è il punto di partenza di questa performance in cui le sequenze della coreografia assumono i contorni di un rito capace di fare emergere le forze interiori che animano l’uomo. La costante psicofisica dell’essere umano è infatti la continua oscillazione tra ciò che desideriamo e ciò che ci imponiamo o ci è imposto. C’è un mondo, talvolta oscuro, dentro di noi, che il contesto sociale ci impone di reprimere. Attraverso la danza questo mondo può emergere, possono esprimersi le pulsioni più sconvenienti, per esplorare l’ombra che ci abita dentro.

Con il gentile sostegno di Centre Choréografique de Roubaix, Point Ephèrme, Paris

Born in 1985 in Merano, Francesca Ziviani studied dance in Bolzano, Rome and at the Conservatoire in Lyons. Over the past decade she has worked with various French choreographers, including Jean Claude Gallotta, Olivier Dubois and Annie Vigier/Franck Apertet. Since 2016 she has also developed her creative projects with the group “Sens Interieur Brut”.

NEFELIBATA Im Trio Nefelibata geht es um Dreierkonstellationen von zwischenmenschlichen Beziehungen. Das Zusammenspiel dreier Körper lässt unterschiedliche Strukturen und Formen entstehen. Es bildet sich eine Kette zusammenhängender Figuren im Raum. Genutzt werden Hebefiguren und akrobatische Elemente. Jeder Kontakt ist ein vorprogrammierter Ablauf, mathematisch genau und emotionslos. Im Laufe des Stückes verändern sich die Körper, Kommunikation entsteht. Die Beziehung zueinander wird emotionaler, die Sensibilität vergrößert sich und bestimmt von nun an das choreografische Material.

PORZELLANHAUS Porzellan ist ein handwerklich hergestelltes Produkt. Die Fertigung benötigt Geduld und Feingefühl. Man schätzt es als besonders schön und wertvoll, und man bewahrt es sorgsam auf. Es ist als Material sehr begehrt und weit verbreitet, aber es ist ebenso äußerst zerbrechlich – so wie die Liebesbeziehung zwischen zwei Menschen, zum Beispiel zwischen Mann und Frau. Das Porzellanhaus steht metaphorisch für das empfindliche Gleichgewicht in der Beziehung zweier Menschen als etwas besonders Wertvolles, das alle haben möchten, doch nur schwer bewahren können.

Marion Sparber, originally from South Tyrol, is based in Berlin. She received her dance training at Varium (Barcelona) and Iwanson School (Munich). Marion has collaborated as a dancer with companies such as Stella Zannou, Sonia Rodriguez, ADN-Dialect, Eldon Pulak and Wee-Dance Company:

Supported by
3 PERFORMANCES

LA BAMBINA IMPERTINENTE

FRANCESCA ZIVIANI (IT/FR)

NEFELIBATA 

MARION SPARBER & IDEA TANZ THEATER PERFORMANCE (IT/DE)

PORZELLAN HAUS

MARION SPARBER (IT/DE)

25.10 2000 

 

 

TEATRO PUCCINI, MERANO

LA BAMBINA IMPERTINENTE
Concetto e coreografia Francesca Ziviani
Regia Sebastien Ledig 
Interprete Francesca Ziviani
Musica verschiedene Künstler
Lightdesign  Sebastien ledig
Produzione Sans interieur Brut

NEFELIBATA
Concetto e coreografia Marion Sparber
Interprete Kenan Dinkelmann, Marion Sparber, Lina Valverde
Musica originale Lisa Simpson, Agente Costura, Kuo-Jam Han Sachéz 
Produzione Idea Tanz Theater Performance
Direttore di produzione Doris Plankl

PORZELLANHAUS
Concetto e coreografia Marion Sparber
InterpreteMarion Sparber & Guest
Foto James Rea
Musica originale Stephane Pigneul (eigene Kompositionen), Brenda Lee, Lucky Dragons, Murcof, Robert Henke
Lightdesign Carlo Quartararo 
Produzione Idea Tanz Theater Performance

PRIMA NAZIONALE

 

 

TICKETS

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- €

Ridotto: 7,- € 

(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

LUCY: CORPI DI DONNE Lucy è senza dubbio l’australopiteco più famoso al mondo. I suoi resti furono trovati nel 1974 in Etiopia, e divennero un’importante testimonianza dell’evoluzione della specie verso l’andatura eretta. Il suo è un corpo di donna, primo tassello di una storia lenta e complessa, una storia di posture, di forme, di simboli, che conducono fino al presente e alla donna moderna. La performance ripercorre questa vicenda evolutiva ed utilizzando i principi della danza contemporanea mette in scena la trasformazione del corpo femminile dalla preistoria ad oggi. Come è cambiato il concetto di femminilità? Quali sono le sue caratteristiche nel passato e nel presente?

Stefania Bertola, dancer, choreographer and teacher, trained as a dancer in Bolzano. She then pursued her study path in various cities including Berlin, New York and in Israel where she spent a period at the Kibbutz Contemporary Dance Company (IL). She then improved as a dancer and teacher at CIMD (International Center of Movement and Dance) in Milan.

BEFORE I WAS BORN Come risuonano dentro di noi le tracce di un passato che appartiene ai nostri familiari? Come possiamo ritrovare frammenti che sono andati persi nello scorrere degli anni e che si manifestano in forma di presenze silenziose? Esplorando un territorio di confine, il progetto “Before I was born” investiga la dimensione dell’identità personale sullo sfondo delle relazioni familiari a confine tra le generazioni. Mettendo in comune una dimensione autobiografica gli artisti ricostruiscono alcuni frammenti delle loro storie familiari a partire dai “materiali” di cui dispongono: ricordi, racconti, fotografie, video, oggetti, vestiti.

Con il gentile sostegno del Comune di Merano 

Founded in 2013 by dancer Jesus Lezameta and performer Silvia Morandi, the Errante Teatro Danza company’s focus is the body and the relationship between individual, environment and society.

THE TRIP Lo spettacolo trae ispirazione dalla cultura psichedelica delle avanguardie degli anni ‘60 e ‘70, e dalla convinzione della possibilità di una rivoluzione del “sé” e una ribellione dell’individuo attraverso la bellezza dell’immaginazione e il pensiero poetico. La performance fa tesoro delle esperienze performative raccolte da Charlotte Zerbey e Alessandro Certini a partire dalla fine degli anni ‘70, soprattutto nell’ambito dell’improvvisazione, legandosi alle esperienze nord europee e americane di danza e musica post-moderne. Un testo poetico registrato da Zerbey e Certini diventa partitura musicale e canovaccio su cui si sviluppa la coreografia, tutta improntata alla relazione dialogica e all’interesse per la composizione istantanea.

con il sostegno di MIBACT, Regione Toscana 

Founded in 1989 by Charlotte Zerbey and Alessandro Certini, Company Blu performs in various Italian theatres and is a regular guest at international festivals. It currently heads the TRAM multiple artist in residence project, and is supported by MIBACT, the Tuscan Region and the Municipality of Sesto Fiorentino.

TEATRODANZA

LUCY: CORPI DI DONNE

STEFANIA BERTOLA & LA QUINTA DANZA (IT)

BEFORE I WAS BORN 

ERRANTE TEATRO DANZA (IT)

THE TRIP

COMPANY BLU (IT)

9.11. 2000

TEATRO COMUNALE DI GRIES, BOLZANO

 

 

prima assoluta di LUCY e BEOFRE I WAS BORN

LUCY: CORPI DI DONNE
Concetto e coreografia 
Stefania Bertola 
Interpreti Stefania Bertola, Elisabeth Ramoser
Musica verschiedene Interpreten
Costumi Silvana Zampedri
Produzione Stefania Bertola & LA QUINTA DANZA 

BEFORE I WAS BORN
Regia 
Silvia Morandi
Interpreti Silvia Morandi, Iosu Lezameta, Magda Simone, Vlastimil Viktoria, Miriam Zarbo
Assistente Michele Fucich
Foto benemalen Film 

THE TRIP
Concetto e coreografiaAlessandro Certini, Charlotte Zerby
Interpreti Alessandro Certini, Charlotte Zerby
Foto Enrico Gallina 
Musica Spartaco Cortesi
Costumi Company Blu
Produzione Company Blue

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- €

Ridotto: 7,- € 

(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

SAKNES - , “radici” in lingua lettone, è una performance che nasce dalla necessità di comprendere il significato di concetti come identità, patria, tradizioni, in un mondo globalizzato e caratterizzato dal massiccio fenomeno della migrazione. Santija Bieza affronta i temi dell’esilio fisico e spirituale, del rapporto tra il passato individuale e collettivo, del senso di appartenenza ad una terra, cultura, lingua, tradizione, chiedendosi se è possibile sradicarsi e ri-radicarsi, senza impoverire la propria identità.

Santija Bieza was born in Latvia. She studied theater production at the University of Rome 3 (D.A.M.S.) and at the University of Rennes, during which she also worked as a dancer, performer, and actress for various productions. Her work is largely influenced by performance-arts in which various modes of expressions are utilized. She lives and works in Bolzano.

BORN TO KILL Nora Pider è originaria dell’Alto Adige, un territorio con un’antica tradizione di caccia. Nora è molto combattuta tra la fascinazione per l’aspetto rituale della caccia, il suo contatto con la natura ed i suoi aspetti primari, e l’orrore per la sua brutalità, per l’impulso a togliere la vita. Anche suo padre era un cacciatore, e alla sua morte nel 2014 Nora ha ereditato i suoi tre fucili. Born to Kill raccoglie e racconta l’iniziazione di Nora alla caccia, attraverso filmati che documentano il processo di familiarizzazione con le armi e l’apprendimento delle tecniche e della capacità necessarie. Allo stesso tempo questo processo viene tradotto in una performance, risultato non solo dell’esperienza personale dell’interprete ma anche di uno studio approfondito sul tema del rapporto tra le armi e il corpo (femminile), sfruttando diverse tecniche tra cui la forma persuasiva del “talk”.

Con il gentile sostegno di Land Tirol/ Tirolo, Città di Innsbruck 

VonPiderZuHeiss is a group of artists who have been working together since 2009. They regularly join force with different people who share their interest in entertainment culture to create plays for theatre, concert halls and art venues. Their performances involve pastiche and reveal their love for the present.

IN TO Elisabeth Ramoser trained at the Academy of Fine Arts of Perugia. She later attended numerous courses and masterclasses including the Dance Works in Berlin, the SEAD in Salzburg and the Young Batsheva Ensemble. Since 2010 she is working as a dancer mostly in Germany and Italy:

Cerco di essere più veloce della gravità, vivere con estrema lentezza, in modo che l’architettura interiore sia sempre in una situazione cardiaca e l’emozione possa essere fisica. Sto cercando una stabilità morbida in un momento che non sia in equilibrio. Vedo una seconda strada in una stanza dove tutto è informazione. Sto cercando la pura debolezza, dove l’atomo possa disintegrarsi attraverso il libero arbitrio ed io possa vedere l’istante da otto lati contemporaneamente, per non comprenderlo. E alla fonte un rettile sta respirando.

Supported by
3 SPETTACOLI

SAKNES

SANTIJA BIEZA (LT/IT)

BORN TO KILL 

VONPIDER ZUHEISS (IT/AT)

IN TO 

ELISABETH RAMOSER (IT)

14.11. 2000

SUDWERK, BOLZANO


Programma in prima assoluta 

SAKNES
Concetto, Coreografia, Interprete, Regia, Costumi Santija Bieza
Foto e video   Santija Bieza, Marco Sonna

BORN TO KILL

Concetto Von PiderZuHeiss
InterpreteNora Pider 
Musica Julian Angerer
Foto Ali Paloma
Testo e drammaturgia Martin Fritz
Produzione Vorbrenner & Gruppe Dekadenz
Allestimento Ali Paloma 

 

IN TO 

Konzept, Choreografie Elisabeth Ramoser
Darsteller Elisabeth Ramoser, Jay Sanson
Fotos und Video Elisabeth Ramoser, Jay Sanson
Kostüme Elisabeth Ramoser
Musik Jay Sanson
Produktion Elisabeth Ramoser, Jay Sanson

TICKETS

Biglietto singolo: 12,- € 
Ridotto: 7,- €
(Riduzione per studenti < 26 e Over > 65)

CONTACT JAM

10.11. 1500 + 1900 

TEATRO COMUNALE DI GRIES, BOLZANO

La contact improvisation approfondisce la ricerca del contatto e dell’interazione dei corpi nella danza. Include elementi di improvvisazione e virtuosismo acrobatico unitamente ad una dimensione meditativa correlata al rilassamento. Invita alla consapevolezza ed allo sviluppo creativo, valorizzando la spontaneità del movimento nel progredire delle capacità tecniche.

Warm Up: Josu Lezameta 

INGRESSO GRATUITO
SPETTACOLI NELLE SCUOLE

UMRISSE VOM ICH ODER DU

SARAH MERLER, KATHARINA ILLNAR, GRETA PICHLER (IT/AT)

Attraverso l’avvicinamento coreografico e letterario al tema “confini” la performance vuole creare lo spazio per un confronto su ciò che significa apporre e definire i confini sia nella dimensione pubblica e sociale sia ad un livello personale. La combinazione della danza e della parola tocca diverse sfere della percezione liberando concatenazioni di pensieri e ponendo domande, a cui non è necessario però trovare subito risposte forzate.

TextKörper is a collective consisting of the author Greta Pichler and the two dancers Sarah Merler and Katharina Illnar. Together the three artists elaborate combinations of text and movement to offer new ways of approaching performances and common topics.


Informazioni e iscrizione: alspmove(at)gmail.com 

 

 

supported by

CONTATTO & LUOGHI D'ESIBIZIONE